Soci IID
08/09/2014

Progetto K478 - Sostegno al Centro Feira das Possibilidades

FONDAZIONE PIME ONLUS

Il contesto

Il Centro Feira das Possibilidades di Nhabijão è situato nella diocesi di Bafatá ed è nato nel 2004 dalla volontà dei vescovi Pedro Zilli e José Camnate che, insieme alla Caritas della Guinea Bissau, hanno deciso di creare e offrire opportunità e idee di sviluppo per giovani e adulti.
Come indica il nome stesso - “Fiera delle possibilità” -, il Centro vuole essere un luogo privilegiato di scambio di idee, capacità ed esperienze e, con l'appoggio e il contributo di formatori nazionali e stranieri, vuole offrire una adeguata preparazione per il miglioramento delle capacità professionali.
Nei suoi dieci anni di attività, il Centro Feira das Possibilidades ha organizzato circa 25 corsi ogni anno, con la partecipazione di circa 500 persone all'anno.

Il progetto

L'attività principale consiste nell'organizzazione di corsi di formazione di breve durata, una settimana al massimo. I corsi sono principalmente di carattere agricolo: come creare e curare un orto, trasformare frutta in succhi e marmellate, effettuare potature e innesti, curare le malattie delle piante con rimedi naturali, apicoltura, allevamento di piccoli animali (maiali, capre e galline), educazione alimentare, trasforma-zione dell'olio di palma. Oltre all'ambito agricolo, c'è l'associa-tivismo e il cucito.
Quello che ci si aspetta da questi corsi è che la gente riesca a migliorare la propria condizione di vita grazie al perfezionamento delle tecniche agricole. L'obiettivo è anche che tale miglioramento arrivi sfruttando le risorse della terra e quindi l'agricoltura in primis.

Obiettivi

L'obiettivo del Centro è offrire un'adeguata preparazione che migliori le capacità professionali esistenti, al fine di generare nuove forme di impiego che portino l'individuo a un miglioramento delle proprie condizioni di vita.
I corsi sono di breve durata per consentire la partecipazione anche di chi non può allontanarsi per troppo tempo da casa (donne, agricoltori, etc.) e implementano tecnologie innovative ma semplici, in modo da poter essere sviluppate in un Paese ancora poco sviluppato dal punto di vista tecnologico.
In questo progetto sono inseriti due laici Alp come figure di coordinamento e accompagnamento delle attività che si realizzano al Centro. I laici Alp rappresentano anche un valido aiuto per la Caritas Guinea Bissau nella gestione e nell'orientare le attività del Centro stesso. 

La collaborazione dell'Alp

A dieci anni dalla sua nascita il Centro ritiene opportuno potenziare e intensificare il suo impegno relativo alla sensibilizzazione, all'accompagnamento e al sostegno alle attività creatrici di reddito, per aumentare l'impatto e l'efficacia nel territorio delle formazioni effettuate e per fornire un appoggio costante, che possa aiutare i gruppi nell'implementazione delle idee e tecniche sviluppate nel Centro.
In questi anni il funzionamento del Centro è stato assicurato dalla presenza di volontari italiani dell'Associazione Laici Pime (Alp), che assicurano un servizio di almeno tre anni ciascuno. L'Alp si è impegnata ad assicurare la presenza dei suoi volontari anche in futuro, per dare continuità e sicurezza a questo progetto, ma nello stesso tempo cerca anche il sempre maggior coinvolgimento di personale locale, per incamminare il progetto verso un autogestione.

Beneficiari del progetto

Beneficiari diretti: 500 persone.
Beneficiari indiretti: 20 villaggi e circa un migliaio di persone.

Sostenibilità

Il Centro Feira das Possibilidades è un progetto della Caritas Guinea Bissau che ne sostiene le attività e si fa carico di reperire fondi in caso di periodi senza finanziamenti specifici.

I costi

Alla Fondazione Pime Onlus è stato chiesto un contributo di Euro 61.360 (comprensivo dell'8% per spese di gestione) per copire i costi di realizzazione dei corsi formativi e del servizio dei due volontari Alp.

Responsabile del progetto è Mons. Pedro Zilli, missionario del Pime e vescovo di Bafatà.

Per richiedere ulteriori informazioni, è possibile contattare l'Ufficio Aiuto Missioni del PIME - tel. 02 438221
e-mail: progetti@pimemilano.com o visitare il sito www.pimemilano.com

Per sostenere il progetto, si prega di citare sempre nella causale il numero d'identificazione K 478 tramite:
. Donazione on line sul sito www.pimemilano.com
. c/c postale n. 39208202 intestato a Fondazione Pime Onlus, via Mosè Bianchi, 94 – 20149 MILANO
. Assegno Bancario o Circolare, oppure Vaglia Postale a Fondazione Pime Onlus, sempre al ns. indirizzo
. Bonifico Bancario intestato a Fondazione Pime Onlus - Credito Valtellinese S.C. - Piazza San Fedele, 4 - 20121 MILANO IBAN IT 11 W 05216 01630 000000005733. Si raccomanda di inviare copia dell'avvenuto bonifico via fax al n. 02 4695193 o
via e-mail a uam@pimemilano.com indicando nome, cognome e indirizzo (dati utili all'emissione del documento valido per la detrazione fiscale).

Detraibilità e deducibilità delle erogazioni liberali
La Fondazione PIME è una Onlus (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale) ai sensi del DLgs 460/97. La Fondazione con sede legale in Milano è regolarmente iscritta presso l'Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Lombardia. Pertanto l'importo dell'erogazione liberale è detraibile o deducibile alle condizioni e nei limiti previsti dalla legge (art. 15 DPR 917/1986 - art. 100 DPR 917/1986; art. 14 Legge 14.05.2005 n. 80).
La Fondazione PIME Onlus rispetta e applica le disposizioni previste dalla Legge 14.05.2005 n. 80 (tenuta della contabilità, redazione del rendiconto annuale). Per poter usufruire di questa possibilità è necessario effettuare il versamento dell'erogazione liberale tramite conto corrente postale, vaglia postale, bonifico bancario, assegno bancario non trasferibile, assegno circolare, carta di credito e conservare la ricevuta che verrà rilasciata.

ISTITUTO ITALIANO
DELLA DONAZIONE (IID)
Via Pantano 2, 20122 Milano
Tel +39 (0)2 87 39 0788
Fax +39 (0)2 87 39 0806
C.F. 97372760153
SEGUICI
PRIVACY | CREDITS